RICERCA
Una banca che pensa come te.

Da più di cinquant'anni la Banca di Credito Cooperativo Abruzzese sostiene l'economia del territorio, sempre vicina alle esigenze della comunità di cui è parte integrante, attraverso un dialogo trasparente che si fonda sui valori della cooperazione e del localismo.

 
06/03/2016 Ultime dal territorio
Pescara e turismo, al via il nuovo piano marketing

Sono state recentemente. presentate in un'affollata conferenza stampa le direttrici delle strategie di marketing per il turismo in ambito interprovinciale. Il piano è stato redatto in sinergia con la DMC (Destination Management Company) Le Terre del Piacere e spiegato  dal sindaco, Marco Alessandrini; dall’assessore a Turismo e Attività produttive, Giacomo Cuzzi; da Emilio Schirato presidente del CdA del DMC Le Terre Del Piacere; dal direttore Claudio Ucci,redattore del piano. “E’ la prima volta che la redazione del piano di marketing per il turismo viene concertata fra un ente pubblico e operatori privati”, ha sottolineato Schirato. “Ed è anche la prima volta che Pescara si troverà con altre realtà vicine, come Chieti, ricompresa in uno stesso piano. Le linee tengono presenti tutte le vocazioni cittadine: mare, arte, fiume, cultura, culto, infrastrutture, c’è di tutto del territorio, linee che potranno tradursi in azioni concrete da già in questo 2016”. “Il piano parte dalla promozione e dallo sviluppo integrato del territorio: si rivolge infatti anche a Chieti e ai Comuni intorno alla città”, ha proseguito Ucci. “Pescara punterà a diventare la porta d’Abruzzo, perché ad oggi Pescara è la destinazione-Abruzzo, a tutti gli effetti: chi arriva in Abruzzo atterra, o approda, o esce a Pescara, la città snodo per tutte le direzioni. Dobbiamo cominciare a capire che per questa posizione e per l’intermodalità siamo i primi ad incontrare il mondo che entra in Abruzzo. Dunque Pescara deve saper comunicare a livello internazionale, perché oggi non lo fa”. “Altro obiettivo è operare in sinergia fra imprenditori pubblici e privati, perché è l’unico modo per concepire un’azione collegata al territorio. Nelle linee guida si lavorerà sui distretti, i cosiddetti cluster: i distretti di riferimento guardano all’aeroporto; c’è un distretto portuale, che significa infrastruttura porto ma anche valorizzazione del borgo marino pescarese; il distretto fluviale, perché il Pescara è un elemento capace di intercettare fattori di internazionalizzazione; il distretto del mare, inteso non come risorsa principale della città, ma come dimensione capace di far emergere anche tutto il territorio circostante; il distretto commerciale, dobbiamo far tornare la gente a fare la spesa a Pescara, avviando un concetto di centro commerciale naturale che sia arricchito da eventi e animazione; il distretto ambientale lo abbiamo identificato nella pineta pescarese, enorme polmone verde che funziona; infine c’è un distretto virtuale, costituito dalle opportunità di lavoro innovative, dalle start-up, da una creatività che a Pescara appartiene. Un esempio a cui guardare è Barcellona: si è puntato sulla città per esaltare tutto il territorio. Può accadere anche a Pescara”.
Crediper
prestito crediper
 
Ultime dal Territorio
03/03/2017
Anche quest’anno l’organismo della Banca di Credito Cooperativo ha aderito, con ...
 
Fondo garanzia PMI
Fondo di garanzia per le PMI